I Tesori della Laguna Veneta 18-19 giugno 2016

8^ Edizione i Tesori della Laguna 070

I TESORI DELLA LAGUNA VENETA

18-19 Giugno 2016

Altro appuntamento per il sodalizio padovano, per la Tesori della Laguna Veneta, che il club Maverick, orgogliosamente, propone oramai da otto anni, suscitando interesse e curiosità in queste due giornate tra natura e storia. Come tutti sanno, organizzare e promuovere gite in laguna, non è affatto cosa semplice tra mille problematiche e spese folli che questi luoghi ci riservano. Già nella giornata di venerdì 17 giugno, i primi arrivi dai club provenienti da molto lontano, sono stati accolti presso la darsena Fusina per le manovre di varo dei battelli per poi ritrovarsi a fine giornata assieme agli amici del Maverick per una cena in allegria. Il mattino seguente, in tanti hanno voluto essere presenti a questo appuntamento, merito anche di un cambiamento del tempo che alcuni giorni prima non prometteva nulla di buono. Dopo un briefing con i comandanti, abbiamo dato inizio ad una moderata navigazione per dare ordine e sincronizzare il lungo serpentone di gommoni presenti, mantenendo una andatura di rispetto per l’ambiente circostante. Prima tappa, la chiesa di Santa Caterina, nell’isola di Mazzorbo, ad attenderci Don Enzo che per l’occasione si è concesso molto volentieri nell’ospitarci e raccontare la storia e le origini di quel luogo sacro, suscitando molto interesse ai presenti regalandoci allo stesso tempo, momenti scherzosi. Dopo un ricco buffet offerto dalle cambuse delle imbarcazioni, abbiamo lasciato Mazzorbo per inoltrarci nella laguna nord, interdetta alla navigazione a noi concesso dietro un permesso molto speciale. Con noi, la guida naturalistica Luana che ci ha accompagnati per tutto il nostro percorso. Arrivati ai pressi di Lio Piccolo, ormeggiato i mezzi, siamo giunti al caratteristico borgo immerso nella valle dove sembra che il tempo si sia fermato. Molte cose da raccontare e da scoprire e tanta storia racchiusa in quel piccolo borgo, lasciandoci trasportare dalle parole e racconti della Luana e un panorama a mozzafiato sulla laguna vista dal campanile. Riprendiamo la navigazione in solitaria, in queste vie d’acqua dove non si incontra nessuno per i severi divieti, la guida ci invita più volte a moderare l’andatura nel rispetto della natura e per l’ascolto della fauna presente. Arrivati all’agriturismo La Barena, prepariamo i gommoni per trascorrere la notte, mentre chi ha prenotato camere e appartamenti, si organizza nelle strutture. La serata trascorre allietata da un ottimo clima di allegria, mentre Michele e la Loredana, titolari del locale, ci fanno assaporare l’ottima cucina, con tanti e abbondanti, piatti tipici locali, spaziando dal pesce alla selvaggina. Il mattino seguente, il lento risveglio ha fatto apprezzare il luogo tranquillo in qui eravamo. Salutiamo Michele e Loredana con la promessa di ritornare per l’ottimo trattamento ricevuto, riprendiamo il nostro viaggio con le prue rivolte su Venezia, passando per Cavallino, Treporti per giungere nell’isola di San Giorgio Maggiore accolti dal circolo nautico Compagnia Della Vela. Accompagnati dalle guide della Fondazione Cini, abbiamo visitato i palazzi circostanti in cui sono presenti manufatti del Palladio, la biblioteca e lo scalone del Longhena e il labirinto del Borges. Terminato la visita ci siamo abbuffati in un ricco banchetto sulla terrazza con vista su Venezia, lasciando ancora una volta tutti meravigliati da un trattamento a noi riservato molto speciale esaltato da un scenario da cartolina e in questa cornice, nel salutarci, ci siamo dati appuntamento per l’anno prossimo con la promessa di regalare ancora altre emozioni e divertimento.